LogoutSei connesso come | Pannello amministrazione
Archivio News Gallery
Informativa Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per proporti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. X

Troppo forte lo Zagarolo, G. Fabrizi Svevo volley k.o. per 3-1

Sconfitta per 3-1 per il Gruppo Fabrizi Italo Svevo contro l’Union Volley Zagarolo, una delle squadre più forti di questo campionato come testimoniato anche dal suo secondo posto in classifica. Poco da fare quindi per le ragazze di Di Gregorio, consapevole delle difficoltà che la sua squadra avrebbe incontrato: «Giocavamo con la seconda in classifica, una squadra quadrata ben allenata ed in competizione per conquistare il primo posto. E la sfida ci intrigava. Volevamo confrontarci con una big del campionato per vedere quanto, in questo momento, potevamo competere con le prime della classe. Venivamo da una serie di risultati positivi e quindi c’erano tutte le premesse di una bella partita. E a tratti lo è stato: lunghi scambi con spettacolari difese dall’una e l’altra parte. Qualche bel gesto tecnico in ben due ore di gioco in cui le squadre si sono affrontate a viso aperto senza risparmiarsi. Un partita difficile che alla fine ha premiato i nostri avversari che si sono confermati i più forti. Nonostante il risultato è stata una buona prestazione che ci indica che per poter essere alla pari delle altre dobbiamo mettere in campo qualcosa in più in termini di cattiveria, determinazione e voglia di vincere. Abbiamo ricevuto i complimenti del tecnico avversario, che ci hanno fatto piacere, ma non ci devono bastare. Siamo consapevoli che siamo sulla buona strada ma dobbiamo ancora migliorare e far meglio, se vogliamo ambire in futuro ad altri traguardi se non quello della salvezza. Purtroppo – conclude Di Gregorio – visti i risultati positivi delle altre squadre invischiate nella lotta per non retrocedere, ci rispedisce nelle zone calde della classifica e che ci costringe a guardare alle prossime partite con massima concentrazione».